Il mare in valigia

Il prossimo appuntamento della rassegna Il Golfo del Libro 2019 ci vedrà invece alla batteria La Favorita, venerdì 9 agosto ore 21, per il romanzo di Fulvia Frallicciardi Canova: Il mare in valigia, una storia di amore e mistero tra Roma e Gaeta. Non mancate!

Tesori Nascosti a Gaeta: presentazione del libro

Il libro è disponibile sul nostro sito a questo link

Presentazione del libro di Jason R. Forbus, con mostra fotografica di Paolo Di Tucci
Sabato 22 giugno alle 21 presso il bastione la Favorita in Gaeta Medievale
Saluti dell’Assessori alle Politiche Sociali Lucia Maltempo
Modera la Dott.ssa Pina Sciarra
Con l’intervento di Gennaro Tallini PHD, Letteratura Italiana, Dipartimento di Culture e Civiltà, Università di Verona

Specchio di una Mediatrice Familiare: presentazione del libro

Venerdì 14 giugno presso l’Aula Consiliare del Comune di Gaeta alle 17:30 presenteremo il libro “Specchio di una Mediatrice Familiare” di Sasso Maria Rosaria

Interverranno il Sindaco dott. Cosmo Mitrano e l’Assessore alle Politiche Sociali Lucia Maltempo

Modera la dott.ssa Pina Sciarra

Non mancate a questo importante appuntamento sul mondo della mediazione.

Shot: cicchetto o colpo di pistola?

Venerdì 26 aprile alle ore 19.30 da Hangover, Beer & Food (Gaeta, Piazza 19 Maggio)

Dalle sue mitiche origini nell’Antico Testamento passando attraverso il Giappone feudale, la Sicilia mafiosa e i giorni nostri: un affascinante viaggio nel mondo segreto dei Killer Professionisti, ripercorso nei suoi momenti chiave, che accompagna il lettore fino al contraddittorio presente.

Shot sta per cicchetto come colpo di pistola: beviamoci su, e passa la paura!

Itri: Il Santuario Romano di San Cristoforo

Ali Ribelli Edizioni amplia la sua collana Archeologia con una pubblicazione di pregio dedicata alla recente scoperta del santuario romano di Itri (nel Lazio meridionale) a cura della dott.ssa Marisa De Spagnolis e con la collaborazione dell’Associazione Archeologica YTRI.

“Itri – Il Santuario Romano in Località San Cristoforo” non si limita a offrire una descrizione accurata del monumentale sito archeologico, supportata da numerose fotografie a colori dei reperti portati alla luce, ma riscrive la storia della comunità itrana e dell’intero Lazio meridionale, aprendo a strade e collegamenti che conducono agli Abruzzi e all’Adriatico, alla Magna Grecia, alla storia stessa dell’intero territorio aurunco.